Il sito utilizza i cookies, l'utente navigando nel sito web dichiara di acconsentire all’utilizzo dei cookies   OK   Informazioni
img
1962-2012

News

News Ferramenta Battisti

Plastuk La miglior soluzione per la riparazione del legno

Marca


La tradizione di Impa nello sviluppo di soluzioni per la riparazione del legno risale alla fine degli anni Settanta, periodo in cui l’azienda inizia a distinguersi sul mercato per l’innovazione del suo stucco, il legno sintetico PLASTUK e per l’ottenimento di un brevetto internazionale per suo dispenser “didoc”.

PLASTUK è oggi indiscutibilmente una delle soluzioni maggiormente apprezzate sui mercati internazionali, non solo a livello di lavorazione industriale ma anche ad utilizzo professionale. Tutto questo grazie al suo altissimo livello qualitativo, alla sua funzionalità ed affidabilità, esito di processi produttivi unici, supportati da formulazioni dall’alto contenuto in termini di innovazione. L’Industria del Legno, in particolare per il settore dei Parquets e dei pannelli per casseri ne fanno uno strumento irrinunciabile di lavoro.

Plastuk è una pasta che rinnova il legno, a base di poliestere, adatta ad eseguire qualsiasi tipo di intervento su supporti in legno come ricostruzione di parti mancanti anche di grosse dimensioni, riempimento di buchi anche per grossi spessori o livellamento di irregolarità della superficie in legno. Indurisce rapidamente mediante l’aggiunta dell’apposito catalizzatore e dopo l’indurimento può essere segata, piallata, forata, carteggiata esattamente come se fosse legno. La versione semitrasparente consente una maggiore uniformità della stuccatura nelle piccole riparazioni mantenendo visibile la venatura del legno. Plastuk va applicato a spatola ed è riverniciabile. La versione in vaso comporta l’aggiunta dell’induritore, quella in cartuccia è abbinata al’apposito apparechio dosatore didoc, per cartucce da 1,5 kg, adatto all’utilizzo professionale, o minididoc, per cartucce da 225 g, adatto alle riparazioni spot. Il dosatore dispensa automaticamente la quantità di catalizzatore evitando così sovradosaggi o sprechi di induritore.

Scarica il PDF: PDF